La Stagione 201314 dell’Enel Basket Brindisi passerà alla storia del basket cittadino, infatti in un’ unica stagione la squadra del presidente Marino ha raggiunto obbiettivi mai raggiunti prima. Al suo 5° anno di Serie A, il 2° consecutivo, Bucchi è riuscito a portare per la seconda volta nella storia la squadra a giocarsi i playoff scudetto, stabilire il record di vittorie e punti in Serie A  (ben 18 vittorie con 36 punti, superando così il precedente record raggiunto nella passata stagione con 11 vittorie e 22 punti) e finire il campionato al 5° posto (nuovo record, superato il 12° posto della stagione 201213).
COME ARRIVA AI PLAYOFF
Arriva probabilmente stanca e con giocatori acciaccati da un pò di tempo e l’ultimo ad aggregarsi alla lista è stato Michael Snaer, assenza che è pesata parecchio difensivamente nelle ultime gare. Michael Umeh è stato chiamato a rinforzare l’organico ed a sostituire capitan Bulleri in cabina di regia e a far rifiatare Dyson ma ancora deve esplodere del tutto. A differenza dell’inizio di stagione la squadra è calata fisicamente, soprattutto nel finale di gara. Nel girone di ritorno ha collezionato solo 7 vittorie contro le 11 del girone di andata.
PUNTI DI FORZA
La voglia di continuare a fare bene dopo gli importanti traguardi raggiunti e le motivazioni di Bucchi rappresentano i punti di forza mentali. Sul campo Jerome Dyson è 1° in classifica per falli subiti, ciò significa che il playmaker di Brindisi è l’uomo più fondamentale e decisivo della squadra e riesce a vincere partite da solo, imprendibile in penetrazione e layup. Michael Snaer è un mastino difensivo e il suo lavoro pochi riescono a farlo in questa Lega. Vera rivelazione è stato Delroy James che dopo l’esperienza in LegaDue è esploso definitivamente giocando una delle sue migliori stagioni: attacco al canestro, tiro da 3, rimbalzi, blocchi e grinta. Andrea Zerini continua a maturare tanto da richiamare l’attenzione di Pianigiani, è riuscito bene a trasformarsi pivot in caso d’emergenza. Altri uomini importanti che rappresentano punti di forza sono Ron Lewis con i suoi tiri da fuori l’arco, Folarin Campbell vero e proprio tuttofare e Miroslav Todic che con la sua grinta e forza non manca, quasi, mai a dare il suo contributo.
PUNTI DEBOLI 
L’assenza di Bulleri durante le rotazioni è mancata. Dyson per gran parte del girone d’andata ha dovuto fare gli straordinari e ciò ha contribuito sulla lucidità del giocatore. Inoltre Chiotti, chiamato a sostituire Aminu, non è riuscito mai a dare il lavoro richiesto dal ruolo di Pivot e dagli schemi di Bucchi e per questo costretto ad utilizzare come centro Zerini,Todic o James che di mestiere fanno tutt’altro.Durante le fasi di attacco se la squadra avversaria  gioca con il 2-3 la squadra trova difficoltà a trovare il canestro mentre nelle fasi difensive non tutti ricoprono bene la fase di non possesso palla.
FATTORE X
Il pubblico del PalaPentassuglia e il loro supporto anche in trasferta è stato fondamentale durante tutto il cammino della stagione e la squadra la ben capito e assorbito.
SCONTRI DIRETTI
In questa stagione il risultato è fermo sull’ 1-1. Grazie alla vittoria dell’andata, Brindisi riuscì a terminare il girone di andata al 1° posto mentre con la sconfitta a Sassari nell’ultima giornata ha perso il 4° posto e il fattore campo a favore per i playoff perdendo di 19 punti quando bastava anche una sconfitta di solo 8 lunghezze.
PRONOSTICO E MOTIVAZIONE
La squadra potrebbe anche strappare una vittoria in Sardegna e giocarsi l’accesso in semifinale al PalaPentassuglia ma tutto dipende se molti giocatori riescono a recuperare la miglior forma fisica e soprattutto la mentalità vincente delle prime gare. La motivazione di continuare a fare bene e continuare a scrivere la storia del basket Brindisino sarà fondamentale durante le gare dei playoff.

 256 Totali,  2 Oggi

Di La Stella Del Sud Basket Brindisi

La Stella Del Sud - Basket Brindisi nasce l'1 Dicembre 2013.